Good Time dei Safdie Brothers. The Pure and The Damned

Good Time dei Fratelli Safdie è un saggio di sociologia americana, e una riflessione spietata sul suo sistema giudiziario.

Continua a leggere

The Nest – L’inganno, recensione: il dramma familiare di Sean Durkin

The Nest – L’inganno, recensione del film di Sean Durkin, dramma familiare e fantasmatico in cui nulla è come sembra e il rimosso riemerge.

Continua a leggere

Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga, recensione: tra pedagogia e infanzia

Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga, recensione di un intelligente esempio di racconto pedagogico sull’infanzia e la famiglia.

Continua a leggere

L’appartamento di Billy Wilder. Di cosa parliamo quando parliamo di sceneggiatura?

L’appartamento di Billy Wilder merita di essere riscoperto attraverso la lettura della sua brillante sceneggiatura.

Continua a leggere

Security, la recensione del thriller Sky Original di Peter Chelsom

La recensione di Security, il thriller in arrivo su Sky Original diretto da Peter Chelsom e con Marco D’Amore e Fabrizio Bentivoglio.

Continua a leggere

La donna alla finestra, la recensione del film su Netflix

La donna alla finestra non nasconde la sua intenzione intertestuale. Il film è dunque un chiaro omaggio al cinema di Alfred Hitchcock.

Continua a leggere

The Falcon and The Winter Soldier, la recensione della serie su Disney+

The Falcon and The Winter Soldier è, insieme a Black Panther, il testo più urgente del Marvel Cinematic Universe.

Continua a leggere

Lady Bird di Greta Gerwig, o quando la scrittura è donna

Lady Bird è una delicata elegia sul diventare adulti, ma ancor di più è la confutazione dell’idea di un cinema indie esclusivamente maschile.

Continua a leggere

Billie Eilish: The World’s a Little Blurry, il documentario su Billie Eilish è su Apple TV+

Billie Eilish: The World’s a Little Blurry è il diario di viaggio di una teenager meravigliosamente persa nel suo mondo.

Continua a leggere

Palmer, la recensione del nuovo film su Apple TV+ con Justin Timberlake

Palmer si rende necessario all’interno di un percorso filmografico sull’educazione e sulla comprensione di ciò che è normale.

Continua a leggere