#Venezia77: 1st Step – From Earth to the Moon, la recensione

Presentato a Venezia77, 1st Step – From Earth to the Moon è il film in VR che celebra il 50° anniversario delle missioni Nasa delle navette Apollo, ricostruendo gli sbarchi sulla luna ricorrendo anche a un commento a metà fra il poetico ed il didattico. I registi Jörg e Maria Courtial ricostruiscono in studio e con l’ausilio della computer grafica i tratti salienti delle missioni in una esperienza immersiva stereoscopica, fruibile anche da seduti, priva di interazioni se non la libertà di scegliere dove guardare. Il film ha una confezione fuori discussione ed è pulito e corretto nella sua esecuzione, scissa fra finzione e documentario, ma quasi privo di anima.

La natura celebrativa di 1st Step – From Earth to the Moon nega spazio a qualsiasi approfondimento psicologico o emotivo ed il sottotesto è quasi del tutto inesistente: un filmato gradevole ed a scopo didattico, quindi, forse più indicato come esperienza museale che come spettacolo di intrattenimento o come opera artistica. Da una parte bisogna riconoscere la coerenza e una qualità generale della confezione – anche se affetta da difetti tecnici sottili ma destinati a far invecchiare prima l’opera – e dall’altra va indicata la quasi totale assenza di spessore narrativo: lo spettacolo è infatti fine a se stesso ed alla sua funzione didattica, ma non spinge lo spettatore ad alcuna riflessione, se non qualche critica extradiegetica sulla confezione.

Ti potrebbero piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto la privacy policy e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo 2016/679 (GDPR) e del D.Lgs. n. 196 del 2003 cosi come novellato dal D.Lgs. n. 101/2018.