#RomaFF16: Notti in bianco, baci a colazione, la recensione

Notti in bianco, baci a colazione, la recensione

Uno dei film ospitati alla Festa del Cinema di Roma è quello realizzato da Francesco Mandelli tratto dal romanzo di Matteo Bussola Notti in bianco, baci a colazione che è anche il titolo del lungometraggio che vede protagonisti Alessio Vassallo e Ilaria Spada nei panni di Matteo Bussola e Paola Barbato, entrambi fumettisti e scrittori sia nel film che nella vita reale. Due rappresentanti di genitori moderni e attuali, sempre divisi tra il lavoro e la famiglia, mondi vissuti spesso in maniera dicotomica e non complementare.

La lente d’ingrandimento è posta sulla figura paterna, Matteo, che si sveglia tutte le mattine alle 5:05 per dar sfogo alla sua passione di disegnatore per poi iniziare alle 7:00 il suo lavoro a tempo pieno: il padre. Non ci poteva essere, quindi, titolo migliore che potesse riassumere la condizione del protagonista che rinuncia a far diventare professione la sua passione per accudire le figlie che hanno due, sei e nove anni, ognuna con le proprie esigenze. Il tutto mentre la moglie Paola, lavorando lei la notte a libri e sceneggiature, sfrutta il giorno per dormire. La famiglia Bussola si regge quindi su questi equilibri e non sembra ci sia nulla che possa farli saltare fino a quando la quotidianità di Matteo viene sconvolta dalla sua ex stagista Sara (Tess Masazza) che, diventata ora editor, gli fa capire che i suoi non sono solo “disegnini”.

Ed è proprio quando meno ce lo si aspetta che capitano quelle occasioni da prendere al volo anche se si è tremendamente combattuti e così Matteo diventa d’un tratto colui che incarna alla massima potenza tutti quei genitori che hanno accantonato il proprio sogno personale e si sono dedicati in tutto e per tutto alla cura dei figli e all’economia della casa. A volte però si può anche decidere di rompere quegli equilibri, di far riemergere quelle aspirazioni sopite anche a costo di sconvolgere totalmente le vite delle persone più vicine come in questo caso è successo a Paola. Neanche adesso però, quando sembra essere arrivato un momento di sconforto, il film lascia lo spettatore in crisi ma prosegue e rafforza questa linea di positività che segue fin dall’inizio. Paola infatti si rimbocca le maniche e riesce finalmente a godersi la sua condizione di madre, a riscoprire a pieno la bellezza di essere genitori.

Una bellezza da cui, quando si riesce a conoscerla, non c’è possibilità di staccarsi: <<tua figlia avrà due anni una sola volta, sei anni una sola volta e nove anni una sola volta>>, è questo pensiero che porta Matteo a ritornare a casa, dalle sue figlie e da sua moglie. Questo film, che si contamina molto spesso con il linguaggio tipico del fumetto, disegna una famiglia a tutti gli effetti contemporanea in cui non mancano momenti di crisi o di incomprensioni dovuti a possibili rimpianti o a scelte passate ma insegna che non c’è un momento buio da cui non ci si può riprendere perché la vita non è ciò che ti capita ma quel che cerchi di fare con ciò che ti capita.

Ti potrebbero piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho letto la privacy policy e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo 2016/679 (GDPR) e del D.Lgs. n. 196 del 2003 cosi come novellato dal D.Lgs. n. 101/2018.