Zombieland - Doppio colpo, recensione del film rock di Ruben Fleischer

Zombieland (trailer), ad oggi, rimane nella memoria collettiva come un vero e proprio cult. Proiettato nelle sale nel 2009 e distribuito dal colosso Netflix, il sequel Zombieland – Doppio colpo diretto da Ruben Fleischer arriva dieci anni dopo sui grandi schermi a partire dal 14 novembre.

I protagonisti della nuova pellicola americana sono interpretati da Jesse EisenbergWoody Harrelson, Abigail Breslin e dalla premio Oscar Emma Stone, tutti sopravvissuti all’attacco degli zombie. Ma in questo nuovo capitolo, vivo (giusto per rimanere in tema) di comicità e fontane di sangue, i morti viventi non sono l’unico problema a cui il gruppo dovrà porre rimedio.

Zombieland – Doppio colpo è un film senza pretese che ritrae le medesime caratteristiche del primo: è proprio questa l’efficacia della pellicola americana, rimanere fedeli al capitolo d’origine ottenendo un film fluido intervallato tra scene comiche e d’azione. Non sono da meno i dialoghi ben scritti e inseriti nel momento adatto che servono a dirottare la storia verso uno svolgimento mai noioso. Per chiudere in bellezza, il film si serve di una buona prova di regia in cui la scelta della semplicità delle inquadrature sembra essere la soluzione migliore per un film del genere.

Zombieland - Doppio colpo, recensione del film rock di Ruben Fleischer

Non mancano di certo ottimi effetti speciali. Per un istante, sembra di entrare in un videogioco: sangue, teste schiacciate e morti che resuscitano e non vogliono tornare a “dormire”. Peccato che il Maestro George Romero non viene citato (visto che è stato il precursore del genere), oltretutto scomparso quest’anno. Zombieland – Doppio colpo è una pellicola rock: oltre alle instancabili risate e a un attento lavoro sul sound design, le situazioni più sanguinose vengono accentuate dalla musica rock allo stato puro, come ad esempio in una fantastica sequenza in slow motion in cui i protagonisti debellano gli zombie sotto le note dei Metallica. È percepibile, con grande piacere, un omaggio ai B-Movie degli anni Settanta (un po’ come il recente I Morti Non Muoiono).

Gli attori? I punti cardine del film. Le prove attoriali non deludono, anzi, alcune restano indimenticabili. Si tratta dell’insormontabile Woody Harrelson che grazie alle battute pungenti e folli contribuiscono a rendere questo personaggio sempre più indimenticabile, ricordandoci, vagamente, un Clint Eastwood d’altri tempi. 

Ci sono nuovi personaggi che entrano a far parte del mondo del gruppo scatenato. Uno di questi è Zoey Deutch che interpreta Madison, la classica “shampista” poco intelligente ma molto sexy. Un altro personaggio è quello di Rosario Dawson che veste i panni di Nevada, l’anima gemella di Tallahasee, donna determinata e senza paura. Come si incontrano questi personaggi? Siamo timidi, non ve lo diciamo.

Andate a vederlo al cinema, Zombieland – Doppio Colpo, perché non solo uscirete con il sorriso, ma avrete il piacere di assistere all’irresistibile sequenza post-credit del sempre meno sobrio (termine a cui possono essere affidate libere interpretazioni) e iconico Bill Murray. Siamo di fronte a un film che non passerà in sordina, essendo una delle horror comedy più riuscite degli ultimi anni. Per concludere, solo tre parole: divertente, divertente, divertente.

https://i1.wp.com/www.dasscinemag.com/wp-content/uploads/2019/11/Zombieland-0.jpg?fit=1024%2C576https://i1.wp.com/www.dasscinemag.com/wp-content/uploads/2019/11/Zombieland-0.jpg?resize=150%2C150Marco ChiarettiRecensioni di Film2019,Abigail Breslin,Emma Stone,Jesse Eisenberg,Ruben Fleischer,Woody Harrelson,Zoey Deutch,Zombieland - Doppio colpoZombieland (trailer), ad oggi, rimane nella memoria collettiva come un vero e proprio cult. Proiettato nelle sale nel 2009 e distribuito dal colosso Netflix, il sequel Zombieland - Doppio colpo diretto da Ruben Fleischer arriva dieci anni dopo sui grandi schermi a partire dal 14 novembre. I protagonisti della nuova...Università degli studi di Roma La Sapienza