Non sono pochi gli attori che, a un certo punto della propria carriera, sentono la necessità di passare dall’altra parte della macchina da presa. I motivi possono essere molti e alle volte anche poco validi, ma capita che questa operazione diventi il trampolino di lancio per costruire qualche cosa di nuovo. La presenza di Luigi Lo Cascio (La città ideale) e Valeria Golino (Miele) alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro è sicuramente la prova della consapevolezza con cui i due grandi attori italiani hanno scelto di dirigere il proprio film. Con una carriera attoriale sulle spalle hanno sentito l’urgenza di parlare con la propria voce dell’uomo e della società contemporanea, atterrando in un mare sempre più affollato, dove chi vuole restare a galla deve saper “conservare la premessa di libertà per costruire qualche cosa di veramente personale“.

Intervista realizzata per PesaroFilmFest da Amedeo Nicodemo, Roberta Tocci e Livia Galtieri DassCinemag Video

Luigi Lo Cascio esordisce alla regia e alla sceneggiatura nel 2012 con La città ideale, un film dai caratteri mystery e un po’ kafkiani, incentrato sulla figura di un uomo che vuole raccontare la verità e non cerca la vittoria, trovando solo incomprensione. Michele Grassadonia, architetto ed ecologista radicato nei suoi ideali, si ritrova impantanato nella fogna dell’Italia contemporanea a dubitare dell’onestà, della giustizia e di quelle piccole attenzioni su cui aveva costruito la sua città ideale. Un’indagine profonda nella soggettività dell’uomo si inserisce in una trama ritmata dai meccanismi della suspense dando prova di un ammirevole lavoro registico, non così affine al cinema italiano, dove, infatti, ha trovato una distribuzione minima nonostante il successo ottenuto nei festival. Oggi il pubblico italiano “va a vedere ciò che è già sicuro gli possa piacere” dice Lo Cascio, e film più complessi o di registi esordienti non riescono a competere in questo mare pieno di squali.

http://www.dasscinemag.com/wp-content/uploads/2015/06/The_Ideal_City_07-1024x434.jpghttp://www.dasscinemag.com/wp-content/uploads/2015/06/The_Ideal_City_07-150x150.jpgDora CicconeIntervistePesaro Film FestivalRecensionidass cinema intervista,La città ideale,Luigi Lo Cascio,PesaroFF51,PesarofilmfestNon sono pochi gli attori che, a un certo punto della propria carriera, sentono la necessità di passare dall'altra parte della macchina da presa. I motivi possono essere molti e alle volte anche poco validi, ma capita che questa operazione diventi il trampolino di lancio per costruire qualche cosa di...Università degli studi di Roma La Sapienza